Serigrafia Vs Sublimazione: Tutto ciò che c'è da sapere

Sicuramente avete visto un sacco di persone indossare t-shirt promozionali. Ogni t-shirt ha un logo stampato in una posizione ben precisa per riuscire a catturare l'attenzione dei passanti. I metodi comunemente utilizzati per questo tipo di stampa sono due: la serigrafia e la sublimazione.
Entrambi questi metodi di stampa hanno la stessa funzione ma tutti e due con particolari un pò diversi. Vediamoli in dettaglio:

SERIGRAFIA

La stampa serigrafica è una tecnica molto antica, ma che ancora oggi trova un'ampia applicazione perché da la possibilità di stampare su qualsiasi materiale di supporto, utilizzando il tessuto come stencil o matrice, ossia facendo depositare l'inchiostro nelle aree libere.
Una volta tracciato il disegno o la scritta su un film acetato, si pone il foglio sulla matrice formata da un tessuto in seta sintetica teso su un telaio, ricoperta da una gelatina fotosensibile. L'intero sistema viene inserito in un "vuoto" per consentire la massima aderenza e illuminato da una potente luce (circa 5000W). Il telaio viene quindi lavato con un getto d'acqua ad alta pressione, che procede all'eliminazione delle parti di gelatina che non hanno ricevuto luce poiché coperti dal disegno.
Quando asciutta, la matrice è inserita in una macchina serigrafica, dove il colore passerà attraverso la matrice "lavata", consentendo un disegno preciso e con leggero spessore.

Punti da notare:

  • Termini di tempo: La serigrafia è un processo che può richiedere tempo
  • Economico per gli ordini più grandi: la serigrafia è considerato da molti un processo efficiente e conveniente, soprattutto per la personalizzazione dei grandi quantitativi
  • Alta qualità e lunga durata: Il logo finale è sempre di alta qualità, assicurando una durabilità per anni

SUBLIMAZIONE

Il processo di sublimazione, nel settore della stampa digitale, è la trasformazione che gli inchiostri subiscono quando, venendo a contatto col calore, si trasformano in gas (sublimano) e si uniscono in maniera stabile alla superficie in poliestere. La sublimazione si realizza grazie a stampanti a getto d’inchiostro equipaggiate con inchiostri sublimatici, utilizzando un’apposita carta per sublimazione. Successivamente, l’inchiostro ricevuto dalla carta viene trasferito sulla superficie ricevente utilizzando li un'apposita calandra o pressa. Questa tecnologia è diffusa soprattutto per personalizzare tessuto in poliestere, materiali pre-trattati in base poliestere e nylon utilizzati per realizzare tantissime applicazioni per la comunicazione visiva, l’interior decoration, oggettistica, abbigliamento sportivo, fashion e pronto moda.

Punti da notare:

  • Peso del tessuto inalterato: La stampa in sublimazione non è percepibile al tatto dato che la tinta modifica direttamente le fibre del tessuto
  • Non ci sono limiti di colore: Potete stampare tutti i loghi del vostro sponsor, del vostro brand o qualsiasi disegno in quadricromia
  • Comodo per gli ordini più piccoli: Facile per transferire le immagini e comodo per i piccoli quantitativi di ordine
  • Altà qualità di immagine: Consente di stampare le immagini con una qualità quasi fotografica
  • Il grande svantaggio di questa tecnica è che può essere usata solo su capi bianchi in poliestere, ma la nostra gamma è davvero molto ampia: T-shirt, polo, borse, ombrelli ecc

Conclusione

Se disponete di un piccolo quantitativo d'ordine con diversi tipi di personalizzazione allora la sublimazione è il tipo di stampa che fa per voi. Mentre se avete come richiesta un grande quantitativo d'ordine la scelta da fare sarà sicuramente la stampa serigrafica, garantendo inoltre una stampa durevole nel tempo.
Per qualunque altro tipo di chiarimento non esitate a contattare lo staff di Gadget Lab. A presto!

Letto 925 volte
In più in questa categoria: « Cosa sono i colori PMS?